In breve

FLAI CGIL A DE CASTRO, IN SICILIA META’ DEL LAVORO E’ IN NERO E CI SONO OLTRE 20 MILA NUOVI SCHIAVI

Palermo, 30 gen -“Nell’agricoltura siciliana ogni anno vengono dichiarate 13 milioni e mezzo di giornate di lavoro ma sono solo la meta’ di quelle effettivamente svolte. Alle oltre tredicimilioni di giornate `in nero’  corrisponde peraltro un’economia illegale per circa 1 miliardo e mezzo di euro, che produce effetti perversi a cascata”: lo ha detto il segretario generale della Flai Cgil siciliana, Salvatore Lo Balbo, rivolgendosi al ministro per le politiche agricolo, Paolo De Castro, che ha incontrato oggi a Palermo i Prefetti dell’isola e le parti sociali per discutere delle illegalita’ nel settore. Lo Balbo ha detto che “nonostante le leggi approvate, finora all’Inps regionale non e’ giunta alcuna richiesta di documento di regolarita’ contributiva (durc),come se questi passaggio, fondamentale nella lotta al lavoro nero, sia ancora sconosciuto e non contemplato”. Consegnando al ministro e all’assessore all’agricoltura un video realizzato dalla Cgil sullo sfruttamento di manodopera straniera clandestina nelle campagne dell’isola, ha poi detto che “il sindacato attende con ansia il varo da parte del Parlamento della legge contro il caporalato, a fronte dell’esistenza nelle campagne siciliane di almeno 20 mila nuovi schiavi”.
2007 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche:

Sii il primo utente a commentare

Commenta