In breve

Rifiuti: incontro tra Fp Cgil Sicilia e presidente IV Commissione Ars Il sindacato chiede verifiche sull’ applicazione delle norme e un intervento sui comuni che non pagano le fatture mensili

Palermo, 19 luglio- I problemi del settore dell’igiene ambientale in Sicilia sono stati al centro oggi di un incontro tra la presidente della   IV commissione legislativa dell’Ars, Mariella Maggio e i rappresentanti della Funzione pubblica Cgil regionale. Il sindacato ha  denunciato i ritardi che si scontano  in tutta la Regione nell’avvio della riforma del 2010 “con pesanti conseguenze sia sulla gestione dei rifiuti che sul personale, 12 mila addetti che, tra le altre cose, vedono  il  posto di lavoro messo continuamente in discussione dai cambi di appalto senza regole”. Alla Commissione, Gaetano Agliozzo e  Alfonso Buscemi, rispettivamente segretario generale e componente della segreteria della Fp, hanno consegnato un documento che illustra i problemi aperti  nel comparto e sollecita il “confronto immediato  con i vertici siciliani che hanno la responsabilità del governo del settore e l’intervento nei singoli territori per verificare lo stato di applicazione delle norme”. La Fp Cgil chiede anche “un intervento sui Comuni che non pagano le fatture mensili e l’attivazione dei  controlli per verificare se le risorse che dovrebbero essere vincolate per i servizi di igiene ambientale vengono invece stornate per altre esigenze”. “Apprezziamo l’attenzione della Commissione territorio e ambiente- dicono Agliozzo e Buscemi- ma nel contempo non possiamo che essere critici verso l’assessore regionale all’Ambiente, assente oggi al confronto così come i responsabili del Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti. Riteniamo fondamentale- aggiungono- una presa di coscienza del governo regionale sulla gravità dei problemi aperti e sulla necessità di agire per salvaguardare i posti di lavoro , applicare le regole vigenti e arrivare quanto prima alla definizione di un piano rifiuti che risolva gli annosi problemi di gestione del settore”. Nel documento della Fp psi rileva che “le Società di Regolamentazione dei Rifiuti (SRR) non sono state uniformemente costituite e laddove create non svolgono appieno il proprio ruolo. Stessa  cosa vale per i Piani d’Ambito”.Per quanto riguarda il personale  “il pagamento dello stipendio avviene con un ritardo medio attestato sui cinque mesi, con punte di tredici mesi, e sempre a seguito di scioperi che oltre a determinare sacrifici da parte degli operatori, paralizzano il servizio”.
2017 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche: