In breve

CGIL SCUOLA SICILIANA SI MOBILITA CONTRO DECRETO SU RIFORMA SCUOLA. ALBINI: "DAL PREMIER PAROLE SCONCERTANTI"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 23 gennaio-  Contro il decreto  di attuazione della riforma della scuola  si mobilita in Sicilia il sindacato di categoria della Cgil, che critica anche le dichiarazioni rese oggi sull’argomento dal presidente del consiglio, Silvio Berlusconi. Un volantino e’ stato distribuito nel pomeriggio dalla Cgil scuola nelle principali piazze della Sicilia, con il quale si annuncia la proclamazione dello stato di agitazione del personale della scuola che portera’, se non si aprira’ un confronto sull’argomento, a iniziative di lotta. Secondo la Cgil scuola “il decreto crea una scuola pubblica più povera, aumenta le disuguaglianze tra le persone, cancella le migliori esperienze della scuola elementare e media, umilia gli insegnanti”. E’ inoltre “inaccettabile che sia stato approvato nonostante le eccezioni avanzate dalla Corte Costituzionale, le proteste e le richieste delle famiglie, del personale della scuola, dei sindacati, delle associazioni degli studenti, delle associazioni professionali”..
“La Cgil scuola siciliana- dice il segretario generale, Enza Albini-  non si stancherà di dire la verità sulla legge Moratti  e contro le falsità ripetute miliardi di volte dal premier Berlusconi e dal ministro stesso”. Albini si dice “sconcertata del fatto che sia stato citato il pensiero di Goebbels, che non poteva che essere ricordato- dice-  da chi lo pratica quotidianamente e ne sanno qualche cosa gli elettori siciliani che hannosperimentato la falsità dei patti elettorali e delle politiche del governo Berlusconi”.
2004 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.