In breve

VENERDI’ A PALERMO MANIFESTAZIONE DI PESCATORI I SINDACATI: "SETTORE TRASCURATO DALLA REGIONE"

Print Friendly, PDF & Email

 Palermo, 19 luglio- Un sit- in di pescatori alle dipendenze dei vari armatori delle marinerie della Sicilia  si terra’ venerdi’ 22  davanti l’assessorato regionale alla cooperazione e  pesca, a partire dalle 9.30. La protesta e’ organizzata dai sindacati di categoria Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil,  a sostegno di una piattaforma presentata al governo regionale per il rilancio del settore e il miglioramento delle condizioni di questa categoria. I sindacati chiedono una legge quadro in sintonia con le norme Ue “per governare il comparto, tutelando l’ambiente marino e creando al contempo condizioni di convenienza per chi ha scelto di operarvi”. Tra i problemi sollevati “l’inesistente rete di mercati ittici che determina clandestinita’ economica e non crea le condizioni per rendere il settore  competitivo e libero dalla presenza  della mafia” . Inoltre le questioni del rinnovo dei contratti delle singole marinerie, la riforma della previdenza e degli ammortizzatori sociali, l’applicazione delle norme sulla sicurezza nei pescherecci, il caro gasolio “che si ripercuote sui lavoratori riducendone il reddito”. I sindacati chiedono infine l’erogazione delle indennita’ di fermo biologico per il 2004.”I dipendenti del settore pesca- dice Salvatore Lo Balbo, della segreteria regionale della Flai Cgil- sono in Sicilia 13 mila, facendo della regione la prima d’Italia per numero di addetti e fatturato. Riteniamo dunque – aggiunge- che la pesca meriti attenzione, contrariamente a quanto fa il governo regionale che e’ riuscito a creare un clima diffuso di sfiducia che penalizza ulteriormente i lavoratori dipendenti”.
 2005 dac 
 
Per  leggere il testo integrale della piattaforma clicarre qui: www.cgil.it/flai.sicilia/sit-in-8-7-05.htm

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.