In breve

BLOCCATA DISOCCUPAZIONE A 5.000 BRACCIANTI EXTRACOMUNITARI FLAI CGIL: "MISURA INIQUA E ASSURDA"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 13 lug- A  circa 5 mila extracomunitari che  lavorano nelle campagne siciliane, buona parte nel ragusano, l’ Inps regionale ha bloccato l’indennita’ di disoccupazione, nonostante si tratti di lavoratori iscritti negli elenchi anagrafici e regolarmente occupati, benche’ stagionali. Lo rende noto la Flai  Cgil siciliana che, in una nota del segretario generale Salvatore Lo Balbo e del responsabile regionale per l’immigrazione, Paolo Aquila, definisce  la misura “iniqua  nei confronti di lavoratori che sono  impegnati nelle campagne  per 101 o 151 giornate- specificano i due sindacalisti- secondo quella stagionalita’ che e’ tipica del comparto, ma che sono soggetti a una legge sbagliata come la Bossi Fini”. E’ , infatti, sulla base della legge sull’immigrazione che, fa sapere il sindcatato, allo scadere del periodo di lavoro gli extracomunitari dovrebbero rimpatriare, divenendo cosi’, se restano, irregolari. “E’ una prescrizione assurda- dicono Lo Balbo e Aquila- viste le caratteristiche a tempo del lavoro nelle campagne. Riteniamo comunque che, in ogni caso, anche applicando la Bossi -Fini, le prestazioni siano un diritto acquisito di lavoratori che pagano le tasse in Italia  e  che l’Inps abbia dunque l’obbligo di erogarle in ogni caso”.
2007 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.