In breve

34 MILA FIRME PER LA LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE. DOMANI SARANNO CONSEGNATE AL SERVIZIO ELETTORALE,IN COINCIDENZA SIT- IN DEI PROMOTORI

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 6 sett- Sono 34 mila le firme raccolte per la prima legge di iniziativa popolare nella storia dell’autonomia siciliana: quella per l’acqua pubblica. Il testo, fatto gia’ proprio e sostenuto da 135 consigli comunali e dal consiglio provinciale di Messina, assieme alle adesioni sara’ consegnato domani, alle 10.30, al servizio elettorale della Regione, presso l’assessorato alle Autonomie locali (via Trinacria 34/36). Per l’occasione, i soggetti promotori- il Forum e i movimenti per l’acqua pubblica, la Cgil Sicilia, il coordinamento degli Enti locali coinvolti, alcuni partiti- terranno un sit- in davanti l’assessorato. Il provvedimento, che dovra’ essere discusso dall’Ars, punta alla ripubblicizzazione e al riordino del settore idrico in Sicilia. Se approvato ritorneranno pubblici i 6 Ato (sul totale di 9) in mano ai privati e il sovrambito regionale, oggi con Siciliacque privatizzato al 75% (capofila la multinazionale francese Veolia). I contratti con i gestori andranno dunque rescissi. Il ddl prevede l’applicazione della direttiva europea in materia di acque e indica la strada della pianificazione e della tutela per il settore. Inoltre, introduce un’autorita’ regionale di vigilanza e controllo e sancisce il principio della partecipazione dei cittadini e delle forze sociali ai processi decisionali. Gli obiettivi sono una maggiore efficienza, l’accelerazione degli investimenti, l’esclusione di speculazioni, la riduzione di prezzi e tariffe per quello che viene definito un “bene pubblico”. Soddisfatti i promotori che si erano dati in principio l’obiettivo minimo di 10 mila firme, abbondamente superato.
2010 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.