In breve

CGIL NE CENSISCE IN SICILIA 2.077 IN TUTTI I SETTORI MAGGIO "SITUAZIONE PARADOSSALE E DRAMMATICA CHE VA RISOLTA"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 3 aprile- Sono piu’ di 2.000 in Sicilia gli esodati, coloro cioe’ che tra il 4 e il 31 dicembre del 2011 sono stati coinvolti in accordi collettivi o individuali di esodo incentivato o mobilita’. A fare la stima “per difetto”, dal momento che non sono facilmente censibili le intese individuali, e’ la Cgil Sicilia che, con la segretaria generale, Mariella Maggio, definisce la situazione di queste persone “paradossale e disperata”, sollecitando “un immediato intervento risolutivo del governo che consenta a questi lavoratori di andare in pensione”. Gli esodi censiti dalla Cgil riguardano a Palermo 122 lavoratori della Resais (provenienti dalla dismissione di vari enti regionali); 640 ex dipendenti Fiat; 71 lavoratori tra Coalma e Ciprogest (industria agroalimentare); 1 della Galbani; 40 lavoratori della Edili cpc. A Enna sono coinvolti 2 operai edili e 150 delsettore tessile e chimico. A Catania gli esodati sono 2 della Antares; 4 della Medimpianti; 4 della Nuova sport car; 2 della Zappala’; 1 della Latte Sole; 12 della Algese 2; 15 della Algese 2 Scarl; 13 della Intini source; 25 della Cesame. A Siracusa il problema riguarda 21 lavoratori della Cogema. Ad Agrigento 20 edili. A Ragusa 22 lavoratori di vari settori. Alcune procedure di esodo, inoltre, sono il risultato di accordi nazionali le cui ricadute in Sicilia riguardano: 200 ex dipendenti Telecom; oltre 200 delle Poste; 10 dell’Enel; oltre 500 Bancari. Il tutto per un totale di 2.077 persone, alle quali certamente si aggiungono dipendenti del commercio, settore sul quale mancano al momento i dati. “Si tratta di accordi antecendi alla riforma che vanno rispettati”, afferma Maggio, ” anche perche’ riguardano persone in una condizione che non presenta sbocchi di nessun tipo, ne’ lavorativo, ne’ nell’ambito degli ammortizzatori sociali. Il governo deve dunque assicurare l’unico sbocco possibile che e’ quello della pensione, anche per evitare che si faccia strada tra la gente l’idea dell’incertezza del diritto”. “Alle gia’ tante emergenze sociali della Sicilia- sostiene Elvira Morana, della segreteria regionale del sindacato- se ne aggiunge un’altra, con gli esodati. L’unica certezza che la riforma delle pensioni ci consegna-aggiunge- e’ che si e’ voluto far cassa a discapito dei cittadini e dei lavoratori, mentre non sono stati affrontati correttamente i nodi flessibilita’/gradualita’/ equita’/sostenibilita’ sociale”.2012 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.