In breve

STAGE: CGIL, IN SICILIA 100 MILA IN TRE ANNI. APPROVARE QUANTO PRIMA DDL DI INIZIATIVA POPOLARE PER REGOLAMENTAZIONE

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 5 dic- In tre anni (2009/2011) le imprese siciliane, soprattutto quelle del terziario e dei servizi, hanno attivato 49.560 stage. Se a questi si aggiungono quelli della pubblica amministrazione e della formazione professionale si arriva a quota 100 mila. Solo il 6,6% degli stagisti nel 2011, anno che ha visto un’impennata con 16.530 stage nel settore privato, alla fine del periodo e’ stato pero’ assunto dall’azienda ospitante. Lo rende noto la Cgil Sicilia, che nei mesi scorsi ha presentato un ddl di iniziativa popolare per la regolamentazione dei tirocini, sottoscritto da 12 mila persone, e che oggi chiede al governo regionale e all’Ars che venga ripreso e approvato quanto prima. Il ddl, che si muove nell’ottica della tutela dei diritti degli stagisti, prevede tra l’altro, un rimborso spese obbligatorio di almeno 400 euro mensili per tirocinante e incentivi alle aziende che assumono. “Il settore privato- dice Andrea Gattuso, responsabile per le politiche giovanili della Cgil Sicilia- e’ quello piu’ esposto agli abusi in quanto spesso gli stage attivati, che abbiamo chiamato stage- truffa, non prevedono una vera e propria formazione ma incarichi senza alcun valore formativo e lo svolgimento di funzioni ripetitive. Il provvedimento di cui chiediamo l’approvazione- aggiunge- darebbe speranze ai giovani siciliani e incrementerebbe l’occupazione giovanile”. Il testo prende spunto da realta’ gia’ esistenti in Italia, in Toscana ad esempio, “dove la regolamentazione- dice Gattuso- garantisce agli stagisti quei diritti minimi applicati in tutta l’Unione europea”. Prosegue dunque la campagna della Cgil Sicilia, che nei giorni scorsi ha sollevato il caso dei “rimborsi truffa”, 7 euro lorde al giorno, per stage al Ministero dell’economia. “Il punto- dice Gattuso- e’ intervenire su uno strumento al quale si fa sempre piu’ ricorso ma che attualmente viene snaturato”. Secondo i dati della Cgil il 42,3% degli stagisti siciliani e’ laureato o laureando, una percentuale di 10 punti superiore rispetto alla media nazionale (3,1,9%) .
2012 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.