In breve

Immigrati: Silp Cgil, Non si ferma il flusso di migranti nel Canale di Sicilia. Tra le forze dell’ordine mancano uomini e risorse per fronteggiare situazione

Print Friendly, PDF & Email

Roma, 27 giugno – “Nel Canale di Sicilia, da Lampedusa alla terraferma, proseguono gli sbarchi, ma tra le forze dell’ordine mancano uomini e risorse”. E’ questo l’allarme che lancia Daniele Tissone, segretario generale del Sindacato di Polizia della Cgil.

“I 43 sbarchi censiti dall’inizio dell’anno e i quasi quattromila immigrati che hanno finora raggiunto le nostre coste nella sola Lampedusa, se raffrontati ai dati dello scorso anno – sottolinea Tissone -, fanno prevedere il ripetersi del fenomeno ‘Emergenza Nord Africa’ e di come esso sia solamente all’inizio”.

“Premesso che la clandestinità si combatte, in via prioritaria, attraverso idonei strumenti di cooperazione internazionale e stringendo protocolli con i paesi maggiormente interessati al fenomeno migratorio – prosegue il leader del Silp Cgil -, rispetto al tema delle risorse impiegate non si può non denunciare che tale fenomeno si ripercuote nuovamente sull’attività delle forze dell’ordine impegnante a fronteggiarlo, in prima linea ed in ogni sua delicata fase, con organici e risorse inadeguate”.

E’ quindi necessario – conclude Tissone – l’assegnazione di nuovo personale per le provincie di Agrigento, Trapani, Siracusa, Caltanisetta, Catania  e Ragusa, sedi di centri di permanenza, evitando di utilizzare quello in servizio presso le locali questure per non sottrarlo al necessario controllo del territorio. Infine, è indispensabile l’emanazione di un provvedimento del governo  per reperire le risorse necessarie ad affrontare questa nuova emergenza, anche perché gli ordinari capitoli di bilancio non dispongono neppure dei fondi indispensabili a pagare i numerosi, quanto disagevoli, servizi già svolti dal personale lo scorso autunno”.

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.