In breve

BENI CONFISCATI E SEQUESTRATI: ARGURIO E CANTAFIA (CGIL), UN AFFARE SOLO PER GLI AMINISTRATORI GIUDIZIARI

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 4 nov- “La gestione dei beni confiscati si sta rivelando un affare per gli amministratori giudiziari, i cui compensi non sono legati ai risultati ma ai tempi, che guarda caso si allungano a dismisura”: lo sostiene la Cgil Sicilia, in una nota della segretaria regionale, Mimma Argurio, e di Franco Cantafia, responsabile del dipartimento legalità. “Occorre impedire- aggiungono- il mantenimento del monopolio della gestione dei beni nelle mani di pochi amministratori giudiziari. Solo così- sottolineano Argurio e Cantafia- forse si potranno vedere risultati positivi e in tempi brevi per i lavoratori e per le aziende che devono essere rimesse quanto prima nel circuito produttivo tenendo conto delle loro specificità di mercato”. La Cgil aggiunge che “è ormai indispensabile una modifica legislativa su compiti e compensi degli amministratori giudiziari”.

2012 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.