In breve

FEMMINICIDI: TAVOLO PERMANENTE DI GENERE, “DARE PIENA ATTUAZIONE A LEGGE REGIONALE CONTRO VIOLENZA”. DOMANI SI RIUNISCE IL FORUM

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 25 nov- Il Forum permanente regionale contro la violenza di genere, sede di confronto tra istituzioni e società, si riunirà domani in seduta straordinaria  per discutere dell’applicazione della legge regionale 2 del 2012  (che peraltro lo ha istituito) sulle misure di prevenzione  e di sostegno contro la violenza sulle donne e in particolate sulla costituzione dell’Osservatorio e sui decreti attuativi delle azioni previste. “Il nostro auspicio- ha detto Elvira Morana, aprendo il convegno del Tavolo permanente di genere (16 sigle sindacali e dell’imprenditoria femminile) nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne- è che si proceda  senza indugi all’attuazione di quella che è una buona legge e che questa possa contare su finanziamenti adeguati per sostenere, ad esempio, le donne che escono dalle case rifugio e dalle case accoglienza”. Al tema della violenza, il Tavolo permanente ha voluto accostare quello della precarietà nel lavoro per sottolineare “quanto questa sia un fattore negativo” e per sollecitare interventi  complessivi a favore delle donne, anche sul piano del lavoro e delle pari opportunità . Il femmicidio è un problema che si presenta in tutta la sua drammaticità con 14 donne morte in Sicilia per mano violenta di un uomo nel 2012  e 4 nel 2013.  Pesanti i dati che riguardano anche le denunce e gli arresti per stalking e  maltrattamenti A Palermo e provincia, da gennaio a ottobre sono state arrestate per atti persecutori 8 persone, 18 per violenza sessuale su maggiorenni e 6 su minorenni . I denunciati in libertà per stalking sono stati 15 e 23  le denunce per maltrattamenti. Ampio il ventaglio di richieste di sindacati e donne imprenditrici e tra queste la promozione di iniziative nelle scuole, l’introduzione di una lettura di genere nei documenti economici della regione, il monitoraggio della legge sulle pari opportunità, l’attuazione della legge sull’integrazione socio- sanitaria con il rafforzamento dei consultori.“Il tema della violenza- ha osservato Morana- non può essere trattato estemporaneamente sull’onda dell’emozione quando accade un fatto grave, ma deve potere contare su iniziative pemanenti e  decise anche da parte del governo nazionale, a partire da una legge organica in merito”.
“Quello della violenza di genere- ha detto il segretario generale della Cgil Sicilia, Michele Pagliaro intervenendo all’iniziativa- è un grave problema sociale che va affrontato in primo luogo con la prevenzione, con misure di informazione e con la conoscenza e i saperi. Pagliaro ha sottolineato anche la necessità di “interventi contro la disoccupazione femminile e il precariato”. Il convegno si è aperto con la lettura dei messaggi del Presidente della Camera, Laura Boldrini, del Presidente del Senato, Piero Grasso, e con un video messaggio del viceministro del Lavoro Maria Cecilia Guerra.
2013 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.