In breve

FORMAZIONE: EX SPORTELLISTI OCCUPANO LOCALI CRI

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 3 dic- Un gruppo di lavoratori degli ex sportelli multifunzionali da ieri sera occupa la sala della commissione regionale per l’Impiego presso il Dipartimento Regionale del Lavoro, in via Imperatore Federico a Palermo. La protesta è per chiedere soluzione a una vertenza che va avanti da più di un anno. A loro va la solidarietà di Flc Cgil, Cisl scuola e Uil scuola che, in una nota, denunciano “l’incapacità del governo regionale di mettere in atto soluzioni immediate per l’avvio delle attività del programma regionale Garanzia Giovani, che consentirebbe, tra l’altro di dare risposte occupazionali, anche se temporanee, ai 1735 lavoratori degli ex sportelli multifunzionali, fermi dal settembre 2013 ad eccezione della pausa assicurata dal Ciapi di Priolo con il progetto Spartacus, ormai concluso, mentre si procede alla messa a regime dei Servizi per il Lavoro”. I sindacati rilevano che “l’incapacità di dare pronte risposte in tempi compatibili con le esigenze delle persone ha prodotto tensioni sociali che coinvolgono centinaia di persone in assenza di interventi coerenti di sostegno al reddito, e ha provocato forme di degenerazione della protesta, ieri, che condanniamo e dalle quali ci dissociamo”.  Durante la protesta si è registrato anche un malore di uno dei partecipanti che ha richiesto l’intervento dei sanitari. Flc, Cisl Scuola e Uil scuola rilevano che “il clima rischia di deteriorarsi ulteriormente, e che il sindacato, suo malgrado, potrebbe non essere più in grado di esercitare il ruolo di mediazione e di cerniera sociale che gli è usuale, in una vertenza che si sta trasformando in una polveriera pronta ad esplodere. Il Governo Regionale intervenga subito- concludono- e intervenga anche il Governo Nazionale per concorrere alla ricerca di soluzioni al disastro sociale che si sta dispiegando in tutta la sua drammaticità”.
Dac 2014

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.