In breve

Italkali: Cgil e Filctem, la Regione parla di tagli e intanto svende partecipata che fattura 80 milioni l’anno. “Chiarezza sull’operazione”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 19 marzo- Cgil e Filctem regionali e di Agrigento chiedono che sia fatta subito chiarezza su quello che sta accadendo all’Italkali con “una regione pronta a svendere la propria quota di maggioranza in una delle poche partecipate in buona salute, che opera peraltro in un settore strategico”. In una nota di Michele Pagliaro e Giuseppe D’Aquila (Cgil e Filctem Sicilia) e di Massimo Raso e Franco Gangemi (Cgil e Filctem Agrigento), viene giudicato “incredibile che mentre il governo va caccia di risorse nei tavoli di confronto col sindacato e  da mesi parla di tagli e di spending review per cercare di chiudere il bilancio, stia facendo un’operazione di questo tipo”,  con la quale in virtù di una prelazione che sembra già essere scattata gli altri soci possono rilevare il 51% delle azioni della Regione per ora al valore nominale di 3 milioni, 0,75 euro per ognuna. “Abbiamo sempre sostenuto la necessità di porre fine alla stagione della regione imprenditrice- scrivono Cgil e Filctem- ma questo non può avvenire svendendo  un’azienda che fattura oltre 80 milioni l’anno e consentendo che a fare il prezzo sia chi ha interesse a sborsare il meno possibile”. I quattro esponenti sindacali ricordano che “quando si parlava di vendere alla Salinen il valore in discussione era tra 40 e 60 miloni”. Secondo l’ad di Italkali, Francesco Morgante, la partecipazione della regione è decaduta dal primo gennaio in base alla legge di stabilità del 2014 e  decidere il valore delle azioni da liquidare spetta al vertice dei soci. “Tutto ciò ha dell’incredibile- dicono Pagliaro, D’Aquila, Raso e Gangemi- : per anni il sindacato ha parlato di advisor e della necessità di mettere a gara il 51% di un’azienda sana e appetibile. Adesso- sottolineano- chiediamo chiarezza e trasparenza  sull’operazione”. Chiarezza viene chiesta dal sindacato anche sugli investimenti di questa azienda nell’area di Realmonte,  con la puntualizzazione di “assoluta disponibilità a stare al tavolo di trattativa, ma dopo che l’azienda avrà ottenuto tutte le autorizzazioni ambientali prescritte, altro argomento- sottolineano Cgil e Filctem- su cui la Regione non può stare a guardare”.
2015 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.