In breve

Rsu: Cgil, risultato che conferma fiducia nel sindacato confederale. Pagliaro: "E ora le Rsu anche per i regionali, per agibilità sindacali misurate sui risultati"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 10 mar- "Il voto per le Rsu (rappresentanze sindacali unitarie) nella scuola e in tutto il pubblico impiego è un messaggio chiaro a chi ritiene di potere fare a meno del confronto col sindacato e a chi dice che la Cgil è conservatrice. E lo è sia se si guarda al dato complessivo della partecipazione sia alle preferenze espresse, che premiano i sindacati confederali e tra questi la Cgil". Lo dice il segretario generale della Cgil Sicilia, Michele Pagliaro. Secondo i dati forniti dalla Flc sul 90% dei voti scrutinati, nell'isola la Cgil è primo sindacato nella scuola, nella ricerca, all'Afam, il terzo all'Università e ha eletto complessivamente 835 Rsu. I sindacati confederali nel comparto conoscenza hanno ottenuto complessivamente il 69,72% delle preferenze contro il 26,12 dei sindacati autonomi. Nell'isola il dato di partecipazione è l'84,39%, più alto della media nazionale. "Si dimostra- dice il segretario della Flc Sicilia, Giusto Scozzaro-  la grande voglia di partecipazione, in un momento cruciale per i vari comparti della conoscenza. I lavoratori vogliono potere dire la loro e contare- aggiunge- e confermano la propria fiducia nel sindacato confederale". Nel pubblico impiego la performance della Funzione pubblica Cgil e' definita da Pagliaro “esaltante”: la Fp cresce infatti in ambiti importanti come la Sanità e le ex Province regionali, confermandosi in molti casi primo sindacato. E’  primo sindacato confederale anche all'Arpa, unico ente sottoposto a vigilanza della regione dove per la prima volta si è votato per le Rsu. “Questo  segnala – sostiene la Pagliaro- che l’estensione dell' istituto delle Rsu anche alla pubblica amministrazione regionale e' un passaggio che non può essere più rinviato. Non si capisce – rileva – come mai l'azione ‘riformatrice’ del governo davanti a questa scelta, importante per sapere chi rappresenta cosa e chi,  si fermi,  sottacendo in malafede che le agibilità sindacali andrebbero legate a quei risultati”. Pagliaro sottolinea che “la Cgil ha fatto in ogni occasione sia a livello di categoria che di confederazione la richiesta di questa verifica democratica”. Per il segretario della Cgil, comunque "nel pubblico impiego e nella scuola non sono in tanti evidentemente a pensare che il sindacato è conservatore. Il governo Renzi ne prenda atto e assuma un atteggiamento più confacente alla platea che si trova davanti. Nel pubblico impiego siciliano- aggiunge- la nuova frontiera è adesso l'elezione delle Rsu tra i regionali: solo così si può fare un passo avanti in senso democratico e i veri conservatori sono coloro che continuano a volere eludere questo passaggio".
2015 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.