Ex sportellisti: Flc Cgil Sicilia, “Sistema pubblico-privato che garantisca i lavoratori e in attesa regime transitorio”. Scozzaro, “E’ stato il governo Crocetta a individuare due anni fa la soluzione Ciapi”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 19 maggio- “E’ proprio il governo di cui l’assessore Caruso fa parte ad avere condotto il sistema degli ex sportellisti nell’alveo pubblico, alimentando aspettative a illudendo i lavoratori. Ora non si può cancellare tutto con un colpo di spugna, ma bisogna individuare un sistema misto, pubblico- privato, che preveda un integrazione tra agenzie per il lavoro e centri per l’impiego dando in questo ambito garanzie ai lavoratori”. Lo dice il segretario generale della Flc Cgil Sicilia, Giusto Scozzaro a proposito del progetto della giunta regionale che prevede l’uscita degli ex sportellisti, 1.700 lavoratori, dall’orbita dei finanziamenti pubblici. “Il progetto annunciato non ci stupirebbe- afferma Scozzaro- se portassimo le lancette dell’orologio indietro di due anni. E’ stato proprio il governo Crocetta infatti due anni fa a prevedere il transito dei lavoratori al Ciapi, nonostante le perplessità espresse dal sindacato. Adesso – sottolinea- si individua una soluzione destinata a passare come una mannaia sulla testa dei lavoratori, determinando precarietà e mettendo in discussione professionalità acquisite in un più che decennale impegno. Noi non lo consentiremo”. Scozzaro specifica: “Si percorra la strada del sistema misto per dare garanzie ai lavoratori e contribuire a un’evoluzione positiva del mercato del lavoro. E in attesa che questa si concretizzi – conclude- si individui un regime transitorio che eviti un nuovo dramma sociale”.
2015 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.