In breve

Sicilia: domani manifestazioni in 9 città siciliane targate Cgil, Cisl e Uil per chiedere lavoro- sviluppo- legalità

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 30 ott- Scendono in  piazza domani , sabato 31 ottobre, Cgil Cisl e Uil in  nove città siciliane  per chiedere lavoro, sviluppo e legalità. Le manifestazioni si terranno  a Palermo, Catania, Messina, Agrigento, Caltanissetta, Enna, Ragusa, Siracusa e Trapani. Con questa iniziativa disseminata sul territorio Cgil, Cisl e Uil regionali chiedono che “il Governo Crocetta passi una volta per tutte dagli annunci alla politica dei fatti” . E che il governo Renzi cominci a occuparsi del Mezzogiorno e della Sicilia. “Ci vuole una svolta – sostengono i sindacati-  e deve essere immediata perché il mondo del lavoro siciliano vive uno stato di grande sofferenza, con 170 mila posti di lavoro andati in fumo negli anni della crisi”. I sindacati chiedono al governo regionale la riqualificazione della spesa pubblica, la lotta all’evasione fiscale , misure di inclusione sociale e il contrasto alla
povertà e il finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga. Ma anche la stabilizzazione del precariato e tutte le riforme non realizzate come quelle della formazione professionale, dell’amministrazione regionale, del sistema di gestione dei rifiuti. E ancora, nella loro piattaforma c’è la richiesta di superare l’impasse sulle Province e quella di interventi per le infrastrutture e per la tutela del territorio e il riordino della forestazione. I sindacati sollecitano anche misure per il turismo e il commercio e il buon utilizzo dei fondi europei. “Da anni ormai la Sicilia vive un’impasse insostenibile- dicono Michele Pagliaro (Cgil), Mimmo Milazzo (Cisl) e Claudio Barone (Uil)-  ed è giunta al collasso. Adesso il tempo è scaduto, la priorità della politica deve tornare a essere la soluzione dei problemi della Sicilia e dei siciliani”.
2015 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.