Forestali: per mancanza di liquidità e limiti del patto di stabilità rischiano di non essere riavviati al lavoro. Riprende la mobilitazione

Palermo, 24 nov – A causa della mancanza di liquidità nelle casse della Regione e per lo sforamento del patto di stabilità i forestali siciliani rischiano di non ricominciare a lavorare. A lanciare l’allarme sono la Cgil e la Flai Sicilia. Si riapre così una vertenza che sembrava  conclusa, alla fine della settimana scorsa, con la ratifica da parte del governo della delibera Cipe sui finanziamenti. “Dopo settimane spese per cercare la soluzione al problema, con autorevoli interlocuzioni col governo nazionale – dice il segretario generale della Cgil Sicilia, Michele Pagliaro-non si può scoprire d’un tratto che abbiamo scherzato e che il problema delle risorse resta tutto aperto. L’assessore Baccei- aggiunge-non poteva certo ignorare una situazione talmente grave da rischiare di determinare contraccolpi anche in altri settori legati alla spesa pubblica”. Per Pagliaro “è una situazione che va a demerito del nuovo Esecutivo. Richiamiamo alla responsabilità il governo- sottolinea il segretario della Cgil- che deve acquisire consapevolezza del fatto che ci troviamo in una situazione di allarme sociale”. Già nelle prossime ore, intanto le categorie annunciano la ripresa della mobilitazione, con presidi davanti alle prefetture. “Lo stallo- afferma il segretario generale della Flai Sicilia, Salvatore Tripi- sta determinando forte tensione tra i lavoratori che rischiano di subire penalizzazioni economiche nell’ordine del 30%. Il governo  deve trovare soluzioni immediate”.
2015 dac

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.