Precari: Pagliaro (Cgil), chiarezza su bocciatura di un emendamento di fatto “pilatesco” che comunque non avrebbe risolto il problema

Palermo, 2 dic- “Vorremmo conoscere la ragione vera per cui è stato dichiarato inammissibile dalla Commissione Lavoro della Camera l’emendamento sui precari siciliani,  considerato che, in un modo ‘pilatesco’ tipico di questo governo, non  prevedeva nessun costo aggiuntivo per lo Stato”. Lo dice il segretario generale della Cgil Sicilia, Michele Pagliaro a proposito della dichiarazione di inammissibilità alla legge di stabilità dell’emendamento sui precari. Pagliaro precisa che “la Cgil non ha mai pensato che quell’emendamento fosse risolutivo del problema del precariato siciliano. A esso hanno del resto fatto sfondo- rileva- le note dichiarazioni del sottosegretario Davide Faraone che, da responsabile del welfare del PD , ha detto che bisognava fermare le finte o impossibili stabilizzazioni e che si doveva aprire il mercato dei servizi pubblici ai privati incentivando il trasferimento dei precari nelle aziende”.  Pagliaro sottolinea che “non si poteva certo pensare che a fare la differenza sarebbe stata un'Agenzia del Lavoro in più che così  che com'è immaginata sarebbe solo l'ennesimo carrozzone foriero di prebende e costi impropri della politica. Il fatto concreto, oggi – dice il segretario della Cgil Sicilia- è che dopo oltre un quarto di secolo, siamo difronte a lavoratrici e lavoratori in molti casi indispensabili per gli Enti Locali e per la Pubblica Amministrazione ai quali occorre dare risposta immediata”.
2015 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche:

Sii il primo utente a commentare

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.