In breve

Scuola: la vertenza sulle retribuzioni dei dirigenti scolastici domani al centro di un incontro con i sindacati all’Usr

Print Friendly, PDF & Email

scuola2Palermo, 15 giu- La vertenza delle retribuzioni dei dirigenti scolastici sarà al centro domani di un incontro tra i rappresentanti regionali di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil scuola e Snals Confsal  e la dirigente dell’Ufficio scolastico regionale, Maria Luisa Altomonte. “Tra la diminuzione dei fondi per i contratti integrativi e lo spostamento di somme dalla retribuzione di posizione a quella di risultato.- informa una nota dei sindacati-  i dirigenti scolastici stanno subendo una progressiva diminuzione delle retribuzioni”. E’ la conseguenza del decreto Tremonti del 2010  combinato alle disposizioni della legge 107 del 2015 . I sindacati confederali della scuola, a gennaio dello scorso anno hanno avviato sull’argomento un ricorso al Tar del Lazio e ora stanno anche valutando la possibilità di ricorsi pilota per rivendicare il mantenimento della retribuzione. “I tagli- dicono Graziamaria Pistorino, Francesca Bellia, Claudio Parasporo e Michele Romeo, segretari dei sindacati scuola di Cgil, Cisl, Uil e Snals- avranno ricadute pesanti anche sulle pensioni e sulle liquidazioni”. Su questi temi sono state già svolte parecchie iniziative di protesta”. “E’ inaccettabile – affermano i sindacalisti – che la dirigenza pubblica venga caricata di incombenze e di responsabilità sempre più grandi e contemporaneamente subisca la diminuzione delle retribuzioni. Il nostro impegno per ottenere la restituzione dei 14 milioni sottratti ed evitare lo spostamento di questi dalla retribuzione di posizione (che è pensionabile) a quella di risultato, non pensionabile e non valida ai fini della buonuscita, continua”.

2016 dac