In breve

Povertà: Pagliaro (Cgil), il Sia da solo è una risposta parziale e insufficiente

Print Friendly, PDF & Email

povertaCaltanissetta, 22 lug – “Il Sia è di fatto una goccia nell’oceano, una risposta davvero parziale e insufficiente al problema della povertà, che in Sicilia riguarda 280.000 famiglie, pari al 13% dei residenti”. Lo ha detto Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil, in occasione della presentazione, nella sede dell’Irsap di Caltanissetta, della misura per il Sostegno all’inclusione attiva (Sia), per la quale la Sicilia ha avuto assegnati 112 milioni. “Sono convinto – ha detto Pagliaro- che per molti tra quelli che costituiscono la platea di riferimento del provvedimento, 1.300.000 persone nell’isola più di 4,5 milioni in Italia, il Sia resterà un miraggio e si potrebbe pure scontare il paradosso che le risorse non vengano spese. Ritengo- ha aggiunto- che il tema della povertà non possa essere affrontato superficialmente, in via sperimentale e unicamente in questo modo. I poveri dell’Italia- ha sottolineato il segretario della Cgil Sicila-  sono il frutto del fallimento delle politiche economiche e meriterebbero un’attenzione diversa”.  La misura in questione è destinata alle famiglie con un’Isee inferiore ai 3.000 che abbiano al loro interno un componente minorenne, oppure un disabile o ancora una donna in stato di gravidanza accertata. Chi è in possesso dei requisiti a partire dal 2 settembre ne potrà chiedere la fruizione. “Mettiamo naturalmente a disposizione le nostre strutture – ha detto Pagliaro- per rendere il percorso più agevole agli aventi diritto”.
2016 dac