Sanità: Calà (Spi), intervenire sulle criticità per garantire il diritto alla salute a partire dalle fasce più deboli della popolazione. Oggi e domani la festa LiberEtà

disabiliEnna, 22 set- “La sanità non può essere sempre trattata come oggetto di scontro politico o terreno di lottizzazione. Si deve tornare a mettere al centro il diritto alla salute e qualunque intervento sulla sanità deve avere questa finalità”: lo ha detto il segretario generale dello Spi Cgil Sicilia, Maurizio Calà, a Enna per la festa di regionale di LiberEtà.  Calà ha ricordato che “gli ultra sessantacinquenni in Sicilia sono più di 1/5 della popolazione : sono proprio gli anziani – ha sottolineato- quelli che si rivolgono di più al sistema sanitario e che chiedono oggi risposte”. Per lo Spi Cgil “bisogna intervenire sulla rete di medicina territoriale e sulla integrazione socio-sanitaria, che sono uno storico elemento di arretratezza in Sicilia. Occorre inoltre potenziate le eccellenze sanitarie con l’obiettivo di azzerare i viaggi della speranza verso ospedali del nord”. Su questi temi è già aperto un tavolo di confronto con l’assessore alla Salute. “Chiediamo impegni precisi”, afferma Calà. “I più colpiti dai tagli alla sanità sono sempre i più deboli- rileva il segretario dello Spi-,  anziani, bambini e disabili, a cui viene negato il diritto alla salute a partire dall’accesso, con un sistema fatto da liste d’attesa che si possono scavalcare solo pagando le visite in intramoenia o con la sanità privata. Questo non è ammissibile”.
2016

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche: