In breve

Morta dopo aborto: Cgil Sicilia, tavolo tecnico perché il diritto alla vita delle donne venga garantito

Print Friendly, PDF & Email

sanitaPalermo, 20 ott- “Al di là di quello a cui approderà l’inchiesta della magistratura, la Cgil Sicilia chiede l’ istituzione di un tavolo tecnico perche’ il rispetto dei parametri imposti dal ministero e la liberta’ dei medici obiettori non possono tradursi in negazione del diritto alla vita delle donne in Sicilia”. Lo dice Elvira Morana, responsabile del dipartimento sanità della Cgil regionale a proposito della morte a Catania di una giovane donna con i suoi due gemellini. “Dopo un evento luttuoso – aggiunge- vengono subito avviate ispezioni dal ministero e dall’assessorato alla salute ma ci si ferma lì, non si procede a una lettura con le parti sociali dei bisogni e dei problemi delle donne e sull’adeguatezza delle procedure assistenziali”. La Cgil chiede dunque che “ci sia un confronto sula rete integrata del percorso nascita , sui profili di rischio e sulla modalità di integrazione tra ospedale e territorio ma anche che sulla reale situazione rispetto all’ interruzione volontaria di gravidanza in relazione anche ai medici obiettori”.
2016 dac