Referendum Costituzione: Smuraglia, ci vuole più rispetto per la Costituzione. Pagliaro (Cgil), riforma rischia di agire anche su principi e diritti fondamentali

fotoPalermo, 18 nov “Si è sentito dire di tutto, in realtà se vince il no avremo detto semplicemente che questa riforma non va e che ci vuole più rispetto per la Costituzione. E un attimo dopo dovremo aprire dei tavoli
sulle cose che contano, come il Piano del Lavoro e la messa in sicurezza del territorio. Su quello che è il bene comune e può contribuire a costruire il futuro per i giovani”: lo ha detto il presidente nazionale dell’Anpi, Carlo Smuraglia, intervenendo a Palermo a un incontro con gli studenti sulle ragioni del No, organizzato da Cgil Sicilia e Anpi.

Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil Sicilia ha aggiunto:  “La riforma che va a referendum il 4 dicembre, interviene sulla seconda parte della Costituzione  ma rischia di agire anche sulla prima cioè su principi e diritti fondamentali come quelli alla salute, al lavoro, all’istruzione. Occorre riflettere sulla vera necessità,  che è quella di applicare la Costituzione, non di modificarla”. Pagliaro ha ancora
detto: “La riforma costituzionale alla quale diciamo NO deteminerebbe un accentramento  di funzioni presso lo Stato centrale e un passaggio di poteri dal parlamento al governo. Tutto ciò è pericoloso e inaccettabile”. Nel pomeriggio il dibattito riprende con la partecipazione anche del Pm Nino Di Matteo.
2016 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche: