Appalti: Cgil Sicilia, la Regione deve ritirare la riforma e uniformarsi alla normativa nazionale “La scure della Consulta potrebbe abbattersi anche sulla riforma”

appalti-ediliziaPalermo, 16 dic- “Sugli appalti al governo regionale non resta che ritirare la riforma prima che vada in Aula e uniformarsi alla normativa nazionale recependo il Codice nazionale degli appalti ma anche le linea guida emanate dall’Autorità anticorruzione il 3 dicembre per la composizione delle commissioni, in questo caso gli Urega”. Lo dice il segretario della Cgil Sicilia, Michele Pagliaro, dopo la sentenza della Corte costituzionale che impugna alcune norme della legge regionale sugli appalti del 2015. Secondo Pagliaro – che nei giorni scorsi aveva già chiesto il ritiro della  riforma esitata dalla Commissione territorio e ambiente dell’Ars non condividendo l’innalzamento da uno a due milioni e mezzo della soglia  entro cui potere procedere con i massimi ribassi – “la sentenza della Consulta, che fa riferimento alle norme in materia di tutela della concorrenza di esclusiva competenza statale, potrebbe ora are da battistrada anche a un procedimento analogo per quanto riguarda la composizione degli Urega”. Per il segretario della Cgil Sicilia “la Regione deve solo recepire le norme nazionali e se aggiustamento può esserci questo deve riguardare l’introduzione delle clausole sociali per la tutela del lavoro , come ha fatto la Regione Lombardia
2016 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche: