In breve

Disabilità: Cgil Cisl Uil e federazioni pensionati, “In Siciila è carente tutto il sistema di protezione sociale. Subito un tavolo istituzionale sulla non autosufficienza e le politiche sociali”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 27 febbraio- “Nel buco nero  dell’inefficienza della politica regionale ci sono i disabili ma anche tutto il complesso delle politiche socio-sanitarie su cui si scontano ritardi inammissibili”: lo scrivono in una nota congiunta Cgil Cisl e Uil Sicilia e le rispettive federazioni dei pensionati, Spi, Fnp. Uilp. I sindacati ricordano:  “Già 5 anni fa raccogliemmo 130 mila firme a sostegno della richiesta di una legge regionale sul riordino delle politiche sociali  che comprendeva anche la tematica della disabilità. A quest’ultimo proposito chiedemmo l’istituzione di un Fondo fisso regionale. Ma le nostre richieste, reiterate nel tempo e sostenute dall’iniziativa sindacale, sono rimaste lettera morta, così come quella a Roma di una legge nazionale sulla non autosufficienza”. Cgil, Cisl e Uil e i sindacati pensionati sottolineano che “il problema dei disabili si inscrive nella più generale questione delle carenze del sistema di protezione sociale di fronte alle quali registriamo una completa indifferenza dei governi che si sono succeduti e le gravi responsabilità dei Parlament”. I sindacati chiedono dunque al presidente della Regione l’insediamento di un tavolo istituzionale con le parti sociali per “affrontare il tema della non autosufficienza in un’ottica globale, partendo dalla questione mai risolta dell’integrazione socio- assistenziale- sanitaria”. “Il clamore mediatico attorno alla vicenda dei disabili- affermano i sindacati- non può spegnersi con qualche battuta o con qualche vaga promessa. Qua ci sono problemi gravi da affrontare e governo e Parlamento sono ad oggi latitanti: chiediamo normative adeguate e adeguati finanziamenti e anche   di conoscere  i dati raccolti dall’ osservatorio epidemiologico – concludono-  sulle condizioni di salute reali dei siciliani partendo dalle situazioni più gravi come le cronicità e le disabilità.”.
2017 dac