In breve

Sanità privata: Fp Cgil chiede stesse regole del pubblico e controlli sugli organici. Sollecita inoltre protocolli di legalità nel terzo settore

Palermo, 30 marzo- La Funzione pubblica Cgil siciliana chiede  le stesse regole del settore pubblico per la sanità privata convenzionata, “a partire dalle assunzioni che – sostiene il sindacato- devono avvenire attraverso pubblico concorso”. Lo dice Clara Crocè, della segreteria della Fp Sicilia specificando che “in molti casi i lavoratori segnalano che il personale viene reclutato tramite il sistema delle cooperative o a partita Iva.  Un personale peraltro numericamente ridotto , a discapito dei pazienti e degli stessi lavoratori, nella totale mancanza di controlli sulle dotazioni organiche”. Sull’argomento si è svolto a  un coordinamento regionale Fp Cgil dei rappresentanti della sanità privata e del terzo settore . Sui servizi sociali la Fp  regionale denuncia invece “la mancanza di una programmazione rapportata ai reali bisogni della collettività e una gestione affidata ad appalti che rendono il più delle volte precari i servizi e le condizioni dei lavoratori “. La Fp Sicilia chiede nel settore “la sottoscrizione di protocolli di legalità per evitare lo sfruttamento dei lavoratori e garantire la qualità dei servizi, escludendo le cooperative che violano i contratti nazionali di lavoro”. E per quanto riguarda la sanità privata  sollecita “una riforma che metta al centro il paziente e i lavoratori”. Prosegue intanto a livello nazionale la battaglia per il rinnovo del contratto di lavoro della sanità privata che si attende da otto anni. “In Sicilia- aggiunge Crocè- è stata anche abolita la contrattazione di secondo livello”.
2017 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche: