In breve

Regione: Fp Cgil chiede al governo regionale l’apertura di un tavolo sulla riqualificazione e la ricollocazione del personale nelle fasce adeguate alle mansioni svolte. “Rischio paralisi nei Cpi”

Palermo, 31 mag- “Si rischia la paralisi nei Centri provinciali per l’impiego”. A lanciare l’allarme è la Funzione pubblica Cgil siciliana che prende spunto dalla circolare con cui la dirigente dell’assessorato regionale al Lavoro Maria Antonietta Bullara inibisce l’uso delle password ai dipendenti di categoria A e B per l’accesso al portale Anpal e al sistema informativo lavoro, per rilanciare la richiesta al Governo regionale di “apertura immediata di un tavolo contrattuale per definire i percorsi di riqualificazione del personale, dando a tutti la giusta collocazione”.  “Provvedimenti di questo genere, che rischiano di avere gravi ripercussioni sul funzionamento degli uffici- dice Clara Crocè, della segreteria della Fp Sicilia-  e fanno luce sul fatto che in questi anni i lavoratori  di fascia A e B sono stati sfruttati  espletando mansioni superiori, senza riconoscimento giuridico ed economico, come è avvenuto anche nelle motorizzazioni e negli Ispettorati del lavoro  e in altri uffici per coprire i vuoti di organico”. Crocè ricorda che la sua organizzazione si è sempre detta contraria alla stabilizzazione dei precari nelle fasce A e B indipendentemente dalle mansioni svolte, “che ha di fatto prodotto uno sfruttamento di questi lavoratori da parte della regione per poco più di mille euro al mese e che ora rischia pure di portare alla paralisi gli uffici”. La Fp annuncia dunque lo stato di agitazione del personale della regione e “iniziative anche legali a tutela dei lavoratori che hanno operato in questi anni in fascia A e B”. “La categoria A – dice Crocè- non ha ragione di esistere e va anche ricollocato il personale di categoria B e C in previsione dei pensionamenti che vedranno svuotarsi le categorie C e D”.”E’ arrivato il momento- conclude Crocè- di affrontare la questione alla base, con un negoziato che conduca alla corretta ricollocazione del personale”.
2017 dac