In breve

Forestali: giovedì auto convocazione di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil a palazzo D’Orleans “Subito il riordino del settore e il contratto integrativo. Situazione ormai insostenibile

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 13 giu- Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil siciliane annunciano l’autoconvocazione dei loro gruppi dirigenti alla Presidenza della Regione per giovedì 15 giugno a partire dalle 10 e fino a quando non ci saranno passi concreti sulla strada del riordino del settore forestale e per quanto riguarda il rinnovo del contratto integrativo. In un documento inviato al Presidente della Regione, agli assessori competenti e ai dirigenti di settore, i tre segretari generali Alfio Mannino, Calogero Cipriano e Antonino Marino riepilogano lo stato del negoziato sui due argomenti, che ha visto registrare qualche passo avanti in tema di contratto, lo stallo invece per quanto riguarda il riordino del settore. Flai, Fai e Uila ricordano di stare affrontando nella trattativa sul contratto temi cruciali come l’equiparazione della paga dei forestali siciliani a quella dei lavoratori del resto del paese ma anche altre questioni finalizzate a migliorare la qualità del lavoro. “Entro 15 giorni- sostengono- chiediamo la convocazione del tavolo in plenaria per sottoscrivere l’ipotesi di accordo”. Sul riordino della forestazione il 22 marzo i sindacati hanno presentato al governo un documento con le loro proposte senza avere fino a oggi alcun riscontro. “Una politica forestale inadeguata- scrivono nella nota al governo- sta producendo danni alla Sicilia: il grande patrimonio boschivo siciliano va difeso e valorizzato contribuendo così anche al rilancio dell’economia di tante aree dell’isola”. I sindacati chiedono l’allargamento delle competenze in materia di salvaguardia del territorio e della prevenzione del dissesto idrogeologico; la divisione delle competenze e delle graduatorie, ai fini dell’avviamento, tra Azienda e Servizio Antincendio; l’accelerazione dei percorsi finalizzati alla maggiore stabilità dei lavoratori attraverso il turnover e il reimpiego del monte ore di coloro che usciranno dal settore; la continuazione del modello distrettuale delle graduatorie. “La gestione quotidiana- affermano Mannino, Cipriano e Marino- è peraltro oggi sempre più insostenibile, con continui ritardi nei pagamenti, mancato rispetto delle norme contrattuali, specie da parte del Comando, confusione sulle risorse effettivamente disponibili per la garanzie occupazionali. Tutto ciò- aggiungono- si somma ai ritardi nell’avvio dei lavori necessari per la difesa del patrimonio boschivo che seguono le dinamiche politiche invece delle fasi colturali”. I sindacati definiscono la situazione “intollerabile” e si dicono pronti a ulteriori azioni di lotta in assenza di soluzioni.
2017 dac