Zootecnia: ancora bloccati i servizi dopo il fallimento dell’Aras. I sindacati chiedono l’intervento della Regione e annunciano, in mancanza di riscontro, iniziative di lotta

Palermo, 30 agosto- Sono ancora fermi i servizi alla zootecnia che il ministero dell’agricoltura, dopo il fallimento dell’Aras, ha affidato all’Aia, l’associazione italiana degli allevatori. In una nota inviata al Presidente della regione e all’assessore regionale all’agricoltura Flai Cgil, Fai Cisl , Uila Uila e Confederdia regionali denunciano la latitanza dei vertici dell’associazione, che lo scorso 2 agosto, ricordano, hanno fatto saltare un incontro presso l’assessorato finalizzato ad assicurare il pieno riavvio delle attività per l’ 1 settembre. I sindacati chiedono dunque un intervento della Regione presso l’Aia, con il coinvolgimento del ministero. “per sbloccare la situazione, garantendo alla zootecnia siciliana un servizio adeguato e tutelando i 105 lavoratori coinvolti”. “Se entro le prossime 48 ore non avremo un riscontro – scrivono i segretari dei quattro sindacati- saremo costretti a iniziative di lotta anche inedite”.
2017 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche: