Precari enti locali e dipendenti ex province: Fp Cgil denuncia stallo nelle rispettive vertenze. “Se dal governo non arriveranno risposte si andrà alla mobilitazione”

Palermo, 22 feb- Sono in alto mare le vertenze dei lavoratori delle città Metropolitane e dei liberi Consorzi e dei Precari degli Enti locali e la Funzione pubblica Cgil regionale annuncia che, se dal governo non verranno risposte, “si andrà alla mobilitazione”. “In assenza di provvedimenti del governo- scrivono Gaetano Agliozzo e Clara Crocè, della Fp Cgil Sicilia in una nota inviata all’assessore regionale alle Autonome locali e Funzione pubblica Bernadette Grasso, – alcuni Liberi consorzi non riusciranno nei prossimi mesi a pagare gli stipendi dei lavoratori”. I due esponenti della Cgil contestano all’assessore “inadempienza e stallo” anche per quanto riguarda i precari degli enti locali.“Non comprendiamo – scrivono- i motivi per cui l’assessorato non ha ancora emanato una direttiva in proposito”. La Fp rileva che “è anche inattuato il percorso di stabilizzazione dei 598 dipendenti titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo determinato stipulati con la Regione siciliana e non è stato convocato il tavolo tecnico per i lavoratori dei comuni dissestati, molti dei quali non sono in grado di garantire servizi e stipendi ai lavoratori”. “E’ una situazione ormai insostenibile- affermano Agliozzo e Crocè- di grave disagio per migliaia di lavoratori ed è inaccettabile che il governo continui a non affrontarla. Chiediamo di essere convocati quanto prima per trovare soluzioni, altrimenti la mobilitazione dei lavoratori sarà inevitabile”.
2018 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche: