Ciancio: Pagliaro (Cgil), accuse gravissime che delineerebbero quadro di eccezionale gravità

Palermo, 25 set- “Le accuse mosse a Mario Ciancio Sanfilippo  con il conseguente sequestro di beni sono gravissime e se saranno confermate in giudizio si delinereerebbe un quadro di gravità eccezionale per il ruolo ricoperto per decenni dall’editore- imprenditore nella vita economica catanese e siciliana e in un delicato settore come quello dell’informazione”. Lo dice Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil Sicilia. “La richiesta che i tempi della giustizia non siano lunghi – aggiunge Pagliaro non è retorica, soprattutto in casi così delicati. Così come non è superfluo sottolineare che va salvaguardata l’occupazione nelle aziende  e nelle testate giornalistiche sequestrate, garantendo il prosieguo delle attività nella legalità e secondo i principi della libera informazione”. Pagliaro sottolinea che “la necessità di tempi brevi della giustizia per la collettività sta nella necessità di comprendere e di avere certezze quanto prima su delicate questioni che investono la vita democratica, di cui la libera informazione è uno snodo essenziale,  che può essere tale solo nella legalità e lontano dalle mafie,  unico presupposto per lo sviluppo della nostra terra”.
2018 dac

Newsletter

Puoi anche iscriverti a liste specifiche: