Costruzioni: Fillea Sicilia, nel primo trimestre 2019 nell’Isola crollo occupazione del 14%. “Governi assicurino risorse e tempi certi per fare ripartire il settore”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 19 giugno- Il settore delle costruzioni nel primo trimestre del 2019 segna un 14% di occupati in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Si passa infatti, secondo la rilevazione congiunturale Istat, da 80.514 addetti nel 2018 a 69.297 addetti nel 2019. “Un vero e proprio crollo occupazionale- commenta Mario Ridulfo, segretario generale della Fillea Cgil Sicilia- confermato dall’Istituto nazionale di statistica. Dati comunque non inattesi- aggiunge- a fronte di uno stallo complessivo che riguarda le tante opere  incompiute, i tanti cantieri che sono bloccati o che non partono, la mancanza di piani di manutenzioni, come la Fillea ha più volte denunciato”. Ridulfo rileva che  “il settore, che comunque continua a rappresentare in termini di addetti il 30% del totale dell’industria siciliana, è in pieno decadimento, in uno stato di grave emergenza di cui hanno responsabilità il governo nazionale e quello regionale”. “E’ una rotta che va invertita – afferma  il segretario della Fillea- nell’edilizia come nell’intera economia siciliana. Al settore delle costruzioni vanno assicurate risorse certe e tempi certi, per garantire una effettiva ripartenza. Non vorremmo più vedere inaugurazioni di cantieri che poi non partono o che si bloccano in breve. C’ è  assoluto bisogno di lavoro reale – conclude-  di infrastrutture completate  e di ridare fiato all’economia”.
2019 dac