In breve

Energia: Cgil Sicilia e Sindicato de Luz y Fuerza di Rosario (Argentina), avviano percorso di scambio di esperienze per la tutela dei lavoratori nei processi di transizione energetica

Print Friendly, PDF & Email

Un percorso di scambio di esperienze e collaborazione è stato avviato oggi da Cgil Sicilia, patronato Inca, Filctem regionale ( sindacato dei lavoratori dell’energia, della chimica e del tessile), e dal “Sindicato de Luz y Fuerza” di Rosario, Argentina. Un incontro si è svolto a Palermo presso la sede della Cgil Sicilia tra delegazioni delle suddette organizzazioni, con la partecipazione dell’Usef (Unione siciliana emigrati e famiglie). Intento, quello di confrontarsi sui temi della transizione energetica verso modelli sostenibili , dello sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili, dell’innovazione tecnologica in direzione dell’industria 4.0 e della necessità di coniugare ai cambiamenti in corso la salvaguardia e il rilancio dell’occupazione e la tutela e promozione dei diritti dei lavoratori nell’ambito dello sviluppo del settore. Per quanto riguarda i diritti, le organizzazioni siciliane e argentine – rappresentate da Alfio Mannino (Cgil Sicilia), Giuseppe D’Aquila (Filctem), Salvatore Tripi (Inca regionale) e dalle segreterie regionali delle tre sigle, da Leonardo Passerini e Nestor Salvatierra ( del Sindicato de Luz y Fuerza de Rosario), da Angelo Lauricella, Salvatore Finocchiaro e Salvatore Augello ( dell’Usef) – hanno insistito sui temi della sicurezza e della salute sul lavoro e del ruolo e dei diritti delle donne nel settore energetico. Nelle loro diversità organizzative e di contesto, i due sindacati in questione si trovano oggi ad affrontare la questione del momento critico e di passaggio che attraversa il settore energetico, che pone la necessità di adeguate politiche di settore e di un’azione decisa per le tutele individuali e collettive dei lavoratori. Per proseguire con lo scambio di idee e di buone pratiche il Sindicato del Luz y Fuerza ha invitato la Cgil siciliana a partecipare alle giornate sul lavoro, i diritti e la sicurezza che si terranno a Rosario nell’aprile dell’anno prossimo e ha chiesto di sviluppare un’interlocuzione con la Cgil anche a livello nazionale per un proficuo interscambio , sulla base anche di un progetto definito, nel segno della solidarietà politica e della tutela degli interessi e dei diritti dei lavoratori.