Lavoro: firmato a Palermo 1° accordo di cassa integrazione per lavoratori di impresa in confisca di primo grado. Filcams Cgil: “Importante riscatto del territorio”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 7 nov- Dopo la firma, ieri nella Prefettura di Palermo, dell’accordo per la cassa integrazione per i 21 lavoratori della società in confisca di primo grado e in amministrazione giudiziaria “ Ferdico & C. Snc”, il primo in Italia da quando è in vigore il nuovo Codice antimafia, la Filcams Cgil  rileva “l’importanza  degli strumenti,  da sempre chiesti dalla Cgil – sottolinea Luca De Zolt, della Filcams Cgil nazionale- per assicurare condizioni di legalità, tutelando contestualmente i livelli occupazionali.  Questa istanza di cassa integrazione-sottolinea De Zolt- rappresenta l’importante riscatto del territorio”.  “ L’auspicio –  aggiunge  Monia Cajolo, segretaria della Filcams Cgil Sicilia- è  che il decreto ministeriale venga emesso nel più breve tempo possibile. I lavoratori-ricorda- sono in aspettativa non retribuita  dal dicembre 2017. Hanno creduto dell’agenzia nazionale per i Beni sequestrati e confiscati e hanno atteso con grande sacrificio per la loro ripresa lavorativa: confidiamo- conclude  Cajolo- di procedere presto anche in questo”.
2019 dac