In breve

Casa: Covid- 19, sindacati inquilini chiedono sospensione termini opposizione a provvedimenti enti gestori alloggi popolari e massima tolleranza per ritardi nei pagamenti dei canoni. Chiesta anche proroga scadenza domande

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 13 marzo- Sunia, Sicet e Uniat della Sicilia hanno scritto al presidente dell’Anci Sicilia, al Presidente della Regione e all’assessore regionale alle attività produttive per chiedere, visto l’acuirsi delle difficoltà delle famiglia a causa dell’emergenza Coronavirus,  che  “agli assegnatari di alloggi di edilizia popolare vengano sospesi, con effetto immediato, i termini per le opposizioni ad eventuali richieste  o provvedimenti emessi dagli enti gestori nei loro confronti , come avvisi di morosità o di decadenza”. I sindacati inquilini,  chiedono anche “l’applicazione – scrivono di segretari regionali Milazzo, Ferro e Sardo- di un criterio di massima tolleranza per i ritardi nel pagamento dei canoni, viste le difficoltà di accesso per tanti assegnatari ai servizi di pagamento e la diminuzione del reddito dovuta alla riduzione di tante attività lavorative”. E se l’emergenza sanitaria dovesse prolungarsi “ e dovessero verificarsi casi di morosità  incolpevole- sostengono Milazzo, Ferro e Sardo-  si chiede l’emanazione di provvedimenti  utili ad ampliare il più possibile la durata delle rateizzazioni ,tenendo conto della situazione socio economica delle famiglie”.  In considerazione dei limiti agli spostamenti introdotti per contrastare l’epidemia di Covid-19,  Sunia, Sicet e Uniat sollecitano anche la proroga dei termini di scadenza delle domande per alloggio popolare.
2020 dac