In breve

Covid-19: Sicilia, Cgil, Cisl, Uil, Spi, Fnp e Uilp chiedono verifiche a tappeto nelle strutture per anziani e soggetti fragili

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 8 aprile- Verifiche  a tappeto sulle condizioni di vita e di lavoro all’interno delle case e delle strutture residenziali e di cura per anziani e persone fragili: le sollecitano Cgil, Cisl e Uil regionali con le rispettive federazioni dei pensionati.   “E’ dimostrato- scrivono i sindacati in una nota inviata al governo regionale- che finora queste strutture rischiano di essere quelle più colpite, l’anello debole della catena. Se vogliamo evitare vere e proprie stragi e la diffusione di contagi occorre intervenire con decisione”. Le strutture residenziali per anziani censite  in Sicilia dal Ministero dell’interno nel 2019 sono 1.117 per un totale di 23.428 posti letto. A queste si aggiungono quelle per disabili, le case famiglia, i centri per tossicodipendenti. “Negli incontri avuti con gli assessori regionali alla Salute e alla Famiglia- scrivono Cgil, Cisl, Uil, Spi, Fnp e Uilp- abbiamo in sostanza assistito a un rimpallo di responsabilità. E’ giunto adesso il momento degli interventi concreti- sottolineano- se si vuole salvaguardare i soggetti più deboli e con essi l’intera comunità, contribuendo a stoppare l’epidemia e alla ripresa del sistema Paese”. Per questo i sindacati chiedono al governo regionale “un tavolo urgente per  decidere modalità e tempi, che devono essere immediati, delle verifiche nelle strutture. Occorre mettere in sicurezza utenti e operatori- affermano-  verificando anche le procedure di sanificazione e di protezione individuale che vengono adottate. E soprattutto la situazione reale per quanto riguarda la diffusione dei contagi, la cui conoscenza è fondamentale- sottolineano Cgil, Cisl, Uil, Spi, Fnp e Uilp per la prevenzione e la lotta a Coronavirus, conoscenza che riteniamo non sia effettiva e completa”.
2020 dac