In breve

Sicilia: Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Uil: “Anziani abbandonati dal governo regionale. Nella Finanziaria nessuna misura. L’esecutivo ci convochi subito”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 28 aprile- “Gli anziani sono stati abbandonati dal governo regionale. Non una sola parola  su di loro nella Finanziaria regionale, nessun servizio sociale aggiuntivo, nessun aiuto economico. E sono inascoltati anche i nostri allarmi sul fronte della sicurezza sanitaria”. Lo denunciano i sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil in una dura nota all’indirizzo del governo regionale.”Siamo stati letteralmente ‘cancellati’ dall’esecutivo- scrivono Maurizio Calà ( Spi Cgil), Alfio Giulio (Fnp Cisl), Antonino Toscano (Uilp Uil). Per gli anziani, che oltre a essere colpiti sul piano sociale ed economico stanno pagando il prezzo più alto in termini di vita-  chiediano servizi sociali, tutele sanitarie, interventi economici. Il Governo regionale accolga il nostro grido di aiuto e ci convochi subito. ”. I sindacati sottolineano che “la fase II deve essere all’insegna della concertazione se non si vuole correre il rischio di bruciare gli sforzi fin qui fatti”. Calà, Gulio e Toscano ricordano di “avere avuto notizia dall’assessore alla famiglia di centinaia di milioni non spesi disponibili per il sociale. Che fine hanno fatto?”, chiedono. Contestano all’assessore alla Salute “un intervento di natura meramente prescrittiva per la sicurezza nelle case di riposo, al quale –dicono- non sono seguiti i richiesti  controlli e tamponi a tappeto”.  Mentre  agli anziani nell’isola “non sono state date neanche le mascherine per recarsi in farmacia”.  Così come, denunciano, “non è mai stato attivato il tavolo comune con assessorati alla Salute e alla famiglia, Anci e parti e sociali, per capire quali siano i reali bisogni del territorio e intervenire, lasciando peraltro soli i sindaci che condividono- osservano Spi, Fnp, Uilp- le nostre stesse preoccupazioni”. Per i sindacati “tutto ciò è inammissibile, soprattutto mentre si pensa a una ripartenza. Lo è per quanto riguarda la sicurezza- sottolineano-  ma anche la tutela  e il sostegno delle categorie più fragili della società che scontano peraltro un gap tecnologico che di fatto li isola”. Spi, Fnp, Uilp, rilevano che “altre regioni si stanno muovendo diversamente, ad esempio la Campania che ha raddoppiato per due mesi il contributo ai pensionati sociali. Il governo regionale cambi  atteggiamento- concludono-e preveda interventi concertati su anziani, disabili, non autosufficienti, malati cronici”.
2020 dac