In breve

Casa: sindacati inquilini e associazioni proprietari firmano protocollo su azioni per fare fronte all’emergenza abitativa conseguente all’epidemia e alla crisi economica e chiamano in causa Regione e Comuni

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 8 mag- I sindacati degli Inquilini Sunia Sicet e Uniat e le Associazioni dei proprietari Asppi e Confedilizia hanno firmato un protocollo di intesa per definire impegni e procedure utili ad affrontare le conseguenze nel settore privato delle locazioni dell’emergenza sanitaria e della crisi economica e occupazionale. Il protocollo mira a coinvolgere la Regione e i  Comuni ma anche gli Enti regionali per il Diritto allo Studio “affinchè si adotti una strategia che partendo dalla conoscenza dei dati – dice una nota- metta in campo azioni e misure utili a scongiurare gli sfratti e il disagio che ricadrebbe sui piccoli proprietari da eventuali insolvenze”. I firmati hanno trasmesso il protocollo all’assessore regionale alle infrastrutture, Marco Falcone, chiedendogli il confronto sui possibili interventi individuati e l’avvio in via sperimentale dell’osservatorio sulla condizione abitativa. Nel protocollo, nel quale vengono sottolineate anche le difficoltà dei commercianti e degli artigiani sul fronte delle locazioni,  viene ribadita l’opportunità della rinegoziazione e della revisione temporanea degli accordi territoriali  per definire procedure idonee a sostenere le famiglie e i soggetti colpiti gravemente dall’emergenza covid-19,  così come  si ribadisce  l’urgenza della definizione di contributi specifici per sostenere la locazione.  Sunia Sicet Uniat  Asppi e Confedilizia  lanciano un grido d’allarme per “la scarsa attenzione al dramma di  migliaia di persone”. “Ribadiamo la nostra disponibilità ad un intensa collaborazione  per la soluzione dei problemi aperti- scrivono- e chiediamo  a Regione a  Comuni cominciando dalle aree metropolitane di avviare subito  tavoli permanenti anche con funzioni di Osservatorio sulla condizione abitativa e sul disagio acuito dall’emergenza”.
2020 dac