In breve

Covid- 19: sindacati chiedono interventi a tutela della salute dei lavoratori dei servizi di pulizia, vigilanza e ristorazione negli ospedali. “I Protocolli vanno applicati anche per questi lavoratori”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 20 ott- Con una nota inviata all’assessore regionale alla salute, Ruggero Razza, i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs siciliane chiedono alla Regione “interventi condivisi” per garantire la tutela della salute di tutte le lavoratrici e lavoratori, senza distinzione tra lavoratori diretti e in appalto, impegnati in servizi di pulizia, vigilanza e ristorazione negli ospedali. E per definirli sollecitano un “incontro urgente”. I sindacati ricordano di avere già sollecitato da ben 4 mesi l’estensione del protocollo di protezione da Covid-19 a tutto il personale che svolge servizio in appalto presso gli Ospedali e l’effettuazione dei tamponi rinofaringei, con criteri di urgenza per chi è venuto in contatto con pazienti positivi, ma di  avere avuto finora parziali  riscontri “a seconda della sensibilità mostrata dai singoli dirigenti sanitari”.  “Il rispetto dei Protocolli di Regolamentazione delle Misure per il Contrasto e il Contenimento della Diffusione del Covid-19 – scrivono Monia Cajolo, Mimma Calabrò e Marianna Flauto- è indifferibile considerando anche l’aggravarsi dell’emergenza che vede di nuovo questi lavoratori, circa 15 mila nella regione, in prima linea a garantire servizi pubblici essenziali e che non possono lavorare senza le dovute garanzie a tutela della propria  salute”. “Ora più che mai- concludono- è necessario attuare politiche di inclusione tra lavoratrici e lavoratori che, seppur appartenenti ad aree contrattuali differenti, condividono lo stesso luogo di lavoro e, purtroppo, lo stesso rischio per la salute propria e dei propri cari”.
2020 dac