In breve

Scuola: Cgil, Flc e Fp, confermare le cooperative sociali per l’assistenza agli studenti disabili, in assenza di un assetto che possa garantire i loro diritti

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 20 ott- La Cgil Sicilia assieme alle categorie Funzione pubblica e Flc ha scritto ai componenti della V e della VI commissione dell’Ars per chiedere che siano ancora le cooperative sociali a espletare il servizio igienico sanitario per gli studenti disabili. “A un mese dall’apertura delle scuole – scrivono Mimma Augurio ( Cgil), Adriano Rizza (Flc) e Gaetano Agliozzo ( Fp)- non c’è ancora un assetto che possa assicurare il diritto allo studio in maniera uniforme nella regione a tutti gli studenti con disabilità”.  La soluzione immediata e utile, dunque, per la Cgil, è  “ la conferma del servizio di assistenza ai lavoratori del privato sociale accreditato, che peraltro hanno svolto una formazione specifica di 900 ore”. Il sindacato rileva che  dopo la sentenza  di maggio del Cga che affermava che detto servizio è in capo ai collaboratori scolastici e la successiva delibera della giunta regionale che confermava la disponibilità del governo regionale a sostenere i servizi aggiuntivi integrativi e migliorativi “nulla è accaduto. Mentre è nota la carenza di personale Ata, che deve peraltro aderire alla mansione su base volontaria e ricevere 40 ore di formazione”. “La situazione era e resta critica- sottolinea la nota della Cgil- non sono chiari i dati relativi al personale assegnato in relazione anche al genere dello studente disabile, e questo preoccupa ancor di più vista l’emergenza sanitaria in atto”. Cgil, Flc e Fp chiedono anche che venga indetta “una Conferenza regionale sulla disabilità e  sullo stato dell’ infrastrutturazione sociale  dedicata, con l’obiettivo di superare l’arretratezza e la frammentarietà della legislazione regionale in materia, cominciando con l’aggiornare il piano triennale della disabilità, che data 2006”.
2020 dac