In breve

Ircac: Cgil Sicilia, per le scelte di vertice si adottino i principi della trasparenza e della competenza

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 18 dic- “ Per la direzione dell’Ircac si dovrà scegliere sulla base dei principi della trasparenza, della competenza e della legalità. Diciamo no a opzioni che possano rispondere a criteri clientelari”: lo scrivono in una nota  il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino ed Elvira Morana, Rsa Fisac, in relazione all’ipotesi che circola del possibile affidamento  dell’ incarico  di dirigente facente funzione  di tutti i servizi e di direttore a un unico dipendente”. “Di fronte alla “situazione sempre più precaria che vive il personale- sostengono Mannino e Morana- in attesa della fusione tra Ircac e Crias, decisa con la legge 10 del 2018 , su cui la Cgil ha manifestato tutte le sue perplessità, per il bene della cooperazione e degli artigiani occorre la gestione di un consiglio di amministrazione ordinario che abbia a cuore tutto il personale, al quale va riconosciuta l’applicazione certa  del contratto  e questo anche nell’ottica della previsione di future assunzioni”.  La Cgil rileva che “la situazione del personale in Ircac  è andata sempre più  a peggiorare: ridotto ai minimi termini  per pensionamento (quota cento) , mancati rinnovi contrattuali a partire dal 2005 in attesa della definizione delle tabelle di equiparazione di cui alla L.R. 6/97 , deliberate  dall’Ente ma mai approvate dal governo regionale, mancata progressione di carriera per la maggior parte del personale, doppio regolamento del personale”. In questo contesto sono molti i ricorsi vinti da dipendenti che nel frattempo hanno svolto mansioni superiori.  Tutto ciò è accaduto nell’ambito di   una gestione  commissariale decennale – sottolineano- , della gestione di un cda con presidente facenti funzioni. Nell’ultimo anno anche di un direttore facente funzione giunto ora a termine. “Il nostro auspicio- conclude la nota della Cgil- è che sull’onda dell’emergenza non vengano adottate decisioni ancora più dannose per l’ente”.
2020 dac