In breve

Consorzi di bonifica: sindacati: “Non interrompere il percorso avviato con la cabina di regia per la tutela di tutti i lavoratori. Modificare dunque la Finanziaria regionale nella direzione da noi proposta“

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 16 marzo-  Sulle previsioni della legge Finanziaria  regionale riguardo ai consorzi di bonifica e le recenti notizie che hanno generato polemiche sulla promozione di alcuni funzionari e dirigenti di questi enti,  intervengono Fai, Flai  e Filbi  siciliane esprimendo la preoccupazione che “venga inficiato il percorso individuato nell’ambito della Cabina di regia, che passa – sottolineano-  attraverso la soluzione in via transattiva di tutti i contenziosi giudiziali ed extragiudiziali, la riqualificazione del personale  e l’applicazione del turnover a tutto il personale e non solo a quello della legge regionale 45/95”. “C’è bisogno di una chiara volontà politica e normativa – scrivono in una nota i sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil-  affinché   il personale a tempo determinato, oggi in forza agli attuali Consorzi di Bonifica venga assorbito nei posti vacanti  delle piante organiche dei singoli Consorzi mandatari con un serio investimento da parte del Governo Regionale e pertanto serve l’immediata approvazione in Aula degli articoli per lo sblocco del turn-over anche per il personale assunto dopo la L.R. 45/95,  rispetto ai quali sono stati presentati emendamenti migliorativi che condividiamo e sosteniamo”. I sindacati chiedono all’assessore Scilla “di riunire quanto prima la ‘Cabina di Regia’, per una verifica dello stato di attuazione degli accordi già presi, trovando tutte le soluzioni possibili che vadano incontro all’interesse legittimo dei lavoratori”. “Se tutti vogliamo scommettere sul futuro della Bonifica in Sicilia – sostengono i sindacati – occorrerà creare le condizioni di contesto perché anche il progetto di legge per un ‘Nuovo’ Consorzio parta con il piede giusto dando stabilità occupazionale ai lavoratori ed un servizio sempre più di qualità. Per noi – sottolineano – è prioritaria la salvaguardia delle professionalità, dei diritti, del lavoro, del territorio, dell’agricoltura e dell’economia siciliana”. Fai, Flai e Filbi sottolineano l’importanza della sistemazione idraulico-forestale dei bacini idrografici, dalla manutenzione e rinaturalizzazione degli argini dei fiumi, ma anche della salvaguardia del paesaggio e del miglioramento ambientale per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici e il dissesto idrogeologico. Quindi il ruolo strategico della forestazione, della bonifica e dei settori produttivi correlati   per il rilancio economico e lo sviluppo sostenibile della nostra regione”,
2021 dac