In breve

Covid: Cgil e Fp, indagine rivela gestione scellerata dell’emergenza. Danni alla salute dei siciliani ma anche all’economa e all’occupazione. Ora atti politici e amministrativi conseguenti da parte della Regione

Print Friendly, PDF & Email

Palermo, 30 marzo “ L’indagine della magistratura di Trapani  descrive  una gestione scellerata dell’emergenza sanitaria in Sicilia.  Ci aspettiamo già nelle prossime ore atti politici e amministrativi conseguenti da parte della regione perché una partita così delicata esige massima trasparenza e certezze per i cittadini e per gli operatori sanitari.A tal fine chiediamo un’urgente ispezione da parte del ministero. La giustizia farà il suo corso ma sulla gestione Covid non possono esserci ombre”:  lo dicono in una nota congiunta Alfio Mannino, segretario generale della Cgil Sicilia e Gaetano Agliozzo, segretario generale della Funzione pubblica siciliana. “Mentre sul fronte del Covid  gli operatori della sanità combattono  tutti i giorni mettendo a rischio la propria vita, come ci dice l’alto numero di vittime tra le loro fila,  ci sono politici e burocrati che giocano con i numeri. E’ un’offesa, oltre che un danno di enormi proporzioni alla Sicilia e ai siciliani non solo per quanto riguarda  la salute, ma anche l’economia, l’occupazione, oltre che la credibilità della sua classe dirigente”:
“Ci chiediamo- aggiungono- quale disegno criminale ci sia stato nella mente di chi ha manipolato dati, sfruttato inadempienze o ritardi  altrui, fornito un quadro non reale sulla situazione in Sicilia. Di chi in una situazione così difficile, per la quale si stanno pagando prezzi altissimi in termini di vite umane, di povertà crescente, di disagio sociale, ha avuto la tracotanza di distorcere la realtà”. I due esponenti sindacali sottolineano che “la ripresa della Sicilia passa in primo luogo per valide iniziative di contrasto all’epidemia. E oggi scopriamo che chi doveva monitorare con polso fermo la situazione- sottolineano Mannino e Agliozzo- affinché a tutti i livelli fossero prese le decisioni giuste è sotto indagine per aggiustamenti, manipolazioni, approssimazioni che, non solo non era tenuto a fare, ma che doveva evitare che fossero fatti per inadempienze di altri livelli. La giustizia ora farà il suo corso-  concludono –  ci auguriamo rapidamente e ci auguriamo che i cocci da contare di una malagestione della  sanità non siano tanti, in termini di contagi, di lavoro, di attrattività della nostra regione”.
2021 dac